Decidere tutto per non decidere niente. La mobilitazione del pregiudizio ai tempi dei social network

È tuttavia innegabile che il potere sia in mano a élite più o meno mappabili, trasversali, chiamate, attraverso consultazioni elettorali che sono esse stesse il risultato della mobilitazione del pregiudizio, a decidere ciò che potrebbe favorirle o sfavorirle.

Le Palais Du Rire

Facebook_like_thumb Quante facce ha il potere? Che vi sia una faccia visibile e una faccia invisibile, e che questa faccia invisibile sia perfino demoniaca, è un’opzione che pesa sulla politica da quando essa esiste. La faccia visibile è quella che prende le decisioni. La faccia nascosta del potere è invece quella che prende non-decisioni, per rifarci al lessico degli studiosi neo-elitisti statunitensi Peter Bachrach e Morton Baratz. Che cosa sono le non-decisioni? Sono decisioni che sopprimono o inibiscono una sfida (latente o manifesta) nei confronti dei valori e degli interessi dei decisori. La seconda faccia del potere può dunque essere definita come quell’attività volta a far sì che il potere si occupi di questioni inoffensive per le élite dominanti. Sono vari i modi di prendere non-decisioni, ma tutti si servono di quella che è stata definita la mobilitazione del pregiudizio: si mettono in campo valori, credenze, rituali, procedure, al fine di…

View original post 548 altre parole

Annunci

Un pensiero su “Decidere tutto per non decidere niente. La mobilitazione del pregiudizio ai tempi dei social network

  1. E’ cosi attuale questo “problema” che fa sorgere il dubbio di essere “manipolati” anche nelle risposte che ognuno di noi da alle opinioni,altrui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...