Chi sono

Psicologa ad indirizzo junghiano. Autrice del saggio di psicoanalisi antropologica  “Il male che cura”, sto finendo un saggio sul narcisismo in politica e leaderismo nella società dello spettacolo : “Narcisus politicus” . Libertaria, amo molto il filosofo e militante anarchico Camillo Berneri, da troppi misconosciuto http://www.socialismolibertario.it/profililib.htm. Dopo un’adolescenza stirneriana e squatter di area torinese sono passata al motto di Maltesta : “Il gradualismo è il mezzo e l’anarchia è il fine”. Su questo blog scrivo recensioni di libri che mi hanno colpita per il forte messaggio psicoanalitico, di psicologia politica e di pensiero libertario. Scrivo anche sul mainstream e principalmente su  Psychiatry on line dove mi occupo di decostruzione della propaganda politica creata ad arte http://www.psychiatryonline.it/node/4749 e  Huffington Post http://www.huffingtonpost.it/barbara-collevecchio/la-facile-retorica-e-psicologia-spicciola-del-populismo_b_4575012.htmlPrima avevo un blog sul Fatto http://www.ilfattoquotidiano.it/blog/bcollevecchio/  .

Ho partecipato come relatrice a convegni su: psicoanalisi e  narrazione nelle fiabe organizzati dalla scuola di specializzazione in psicologia analitica AION http://www.assoalba.it ; Psicologia del factchecking organizzato da Ahref di Trento http://www.centroeinaudi.it/agenda-liberale/articoli/3264-di-cosa-parliamo-quando-parliamo-di-fact-checking.html ; Controinformazione e social media organizzato dal collettivo Hobo di Bologna ; Eros & Arte organizzato a Casa D’Annunzio a Pescara; Psicoanalisi della terza età organizzato da Umanamente http://www.umanamenteonline.it. Da Marzo 2014 inizierò un ciclo di lezioni a Bologna con l’associazione di ricerca in psicologia analitica Temenos sulla psicoanalisi e la politica.

Mi occupo di psicologia con uno studio privato e di psicologia e comunicazione politica. Sono appassionata di arte ( ho curato varie mostre tra cui la retrospettiva di Jan Saudek a Roma http://www.exibart.com/profilo/autoriv2/persona_view.asp?id=78588 ) e di ermeneutica di antichi rituali e simbolismi religiosi ( ho scritto un libro sul mito del serpente e la Grande Madre ) . Collaboro con la casa editrice Excelsior1881 che pubblica piccole grandi perle introvabili http://www.excelsior1881.eu. Ho scritto su key 4biz, Psychomedia, Altrapsicologia, Stilemaschile et al. Ho un figlio terribilmente adolescente, un cane tibetano di nome Otto molto peloso e un gattone bianco dagli occhi azzurri di nome Rocco.

Questa è la sinossi del mio primo libro, ” il male che cura ” .

“Maghe, streghe, fattucchiere e divinità nell’analisi psicologica di un arcaico rito rurale che da secoli si ripete nel paesino di Cocullo con serpenti vivi : il mito dell’eroe che affronta il male e il mostro al fine di guarire e rinascere a nuova vita.
“Il Male che cura” è una metafora di guarigione nell’incontro terapeutico con le nostre difficoltà, svela l’opportunità di dialogare con le nostre parti rimosse come il serpente, che vive nascosto. Panico, ansia, spesso sono sintomi che arrivano ad avvertirci che abbiamo costruito la nostra persona sociale schiacciati dalla violenza di una società narcisistica e competitiva. Sovvertire noi stessi, cambiare, prendere coraggio per intraprendere un viaggio verso la liberazione non è impresa da poco ma ci permetterà di vivere e non sopravvivere. La ferita che abbiamo dentro non serve nasconderla: può essere la feritoia dalla quale guardare chi siamo davvero.
L’incontro con la paura di diventare chi siamo spesso è vissuta come il famoso mostro riscontrabile nei miti, nelle fiabe e in questo rituale religioso che ancora sopravvive al tempo. Ma il mostro, il serpente, il Male, non è il peccato come voleva farci credere la religione cattolica ma l’unica opportunità che abbiamo di diventare “unici” perché solo in un mondo di unici ci si può associare liberamente e superare le meschinità dell’invidia. La paura mangia l’anima.”

http://www.ibs.it/code/9788896013199/collevecchio-barbara/male-che-cura.html

Annunci

26 pensieri su “Chi sono

    • La psicologia e’ sicuramente la disiplina Che per prima dovrebbe darci almeno delle risposte(non certamente delle soluzioni).purtroppo Bella pratica quotidiana servepiu’ a coloro Che la praticano Che a coloro Che ovrebbero trarne bénéficie.ci sono sicuramente molte correnti di pensiero Che alla fine si integrano tra di loro.la risposta finale e’ sempre Una sortadi accettazione dei propri conflitti i quali proprio attraverso Una banale soluzione Che e’ il frutto di un percorsoterapeutico piu’ o menocomplesso all’interno del qualesi puo’discutere ampiamente ma il Cui risultato finale e’ proprio il Punto di partenza.non starei a scomodare troppo la chiesa in quanto proprio il percorso del perdono e’ unadelle migliori modalita’ attraverso le quali ripartire a nuova Vita.ecco perche’ sottolineo il Punto di arrive come Punto di partenza.

  1. Complimenti! Come sociologa mi sono sempre interessata a queste tematiche e ti seguiro’ volentieri. Posso farti solo una piccola trascurabile domanda? Ho letto un buon curriculum, ma non ho capito TU CHI SEI? Aggiungi qualcosa di te. Non stai sostenendo un colloquio di lavoro. O si? Ghita

      • Ciao Barbara..sono un compagno …,desidererei parlarti in privato per un consulto…ciao! Ivan.ps:.ti ho scritto anche in fb non so se hai letto..

      • Leggendo mi è venuto naturale pensare :”Uno che invece si erge a giudice, sta bene o dei problemi irrisolti? Potresti avere mille ragioni ma il tuo commento non è nè supportato nè argomentato da analisi di alcun tipo. Hai commentato solo per disturbare, argomenta e si discute, a questo servono simili spazi, a meno che tu abbia dei sospesi non chiariti

  2. Complimenti per il tuo impegno, bello il riferimento a Berneri che come dici è poco conosciuto come anche Andrea Costa, Errico Malatesta…. Ho un bel libro da Bakuni a Malatesta originale lo tengo come una reliquia anche se sono un marxista.
    ciao

  3. Ciao, avevo molti problemi in testa e ho scritto un libro che di molti è stato rimedio. Per quel che resta, sto provvedendo di nuovo finalmente. Cerco un professionista junghiano a roma, che prende intorno ai 50 euro. Puoi consigliarmi qualcuno? Sono su twitter fra i tuoi follower da qualche minuto, e colgo la palla al balzo visto i tuoi interessi proporti la lettura del mio vecchio parlarmi, se interessa te lo mando in pdf. Grazie

  4. Signora Collevecchio,
    ho letto questo passo.
    “Prima avevo un blog sul Fatto http://www.ilfattoquotidiano.it/blog/bcollevecchio/ .”
    La cosa mi ha incuriosito. Vuole spiegarmi il perchè “avevo”?

    Sono mezzo sonnambulo e leggo diversi giornali online e leggo molto i commenti dei lettori in quanto mi danno il polso della situazione. E quindi sono incappato nelle tecniche di commento dei grillini che lei descrive molto bene. Inizialmento cercavo di dialogare, col tempo ho capito che era impresa vana. Sono passato all’ironia e al sarcasmo; pare abbia maggiore effetto.
    Sto contanto i GrilloStar dialoganti; ad oggi sono 17, gli altri sono GrilloAdepti. Decisamente non c’è proporzione.
    Personalmente nutro qualche e un pò più di qualche diffidenza e sospetti verso il giornale Il FattoQ. E sa perchè? Provi a cercare su quel giornale una notizia positiva di questa povera Italia. Quando l’avrà trovata me la comunichi. Capisce ora il perchè della mia domanda iniziale?

    Se mi risponde mi toglie una curiosità; penso che lei mi confermerà quel che io penso.
    Grazie.
    .

    • “leggo molto i commenti dei lettori in quanto mi danno il polso della situazione”
      un altro fulminato…

      Come diceva Massimo Troisi a Robertino: esci da qui, vai per strada, incontra persone vere, metti le mani in culo alle femmine.

      Esci dai blog…

      • Entro solo per vedere se esce il nome 1) perchè anonimo non mi piace 2) perchè risponderti equivarrebbe mettersi al tuo livello, fatti un giro

  5. Signora,
    Ho appena letto il suo pezzo su Gomez e la … democrazia.
    Ho trovato la risposta. E penso sia quella giusta.
    Quindi se non mi risponde…

    Non so lei, ma io ho anche provato anche il … brivido … della censura “Quotidiana”. Guai a scrivere commenti in rotta di collisione con la linea politica/editoriale del Quotidiano.
    E’ un Fatto!

  6. ciao Sara, mi piace molto il blog. Leggo che hai una laurea in psicologia. Congratulazioni! Hai preso 110 e lode? posso chiederti l’eta? In bocca al lupo per il blog. Cordiali saluti. Antonio.

  7. sinceramente non ho commenti , solo dire che ho scritto da tempo una tesi psicoanalitica del Pinocchio,passando fra quella intenzionale del Tempesti e quella contenutistica di G Jervis che l’ha accettata volentieri.mi spiace che ci abbia lasciati,era una bella intelligenza ed era un piacere leggerlo. se tu avessi tempo voglia e interesse per leggerla,ne sarei contento,anche di tutto ciò che vuoi dirmi-la tesi non è conclusa e forse non la concluderò,Pinocchio sfugge sempre. calorosi saluti e b lavoro g marinari sono su Fc

  8. Gli altri sogliono diventare savi per li periculi de’ vicini: voi non rinsavite per gli vostri, non prestate fede ad voi medesimi, non conosciete el tempo che voi perdete et che voi havete perduto. Et quale voi piangerete anchora, et sanza fructo, se non vi mutate di opinione; perché io vi dico che la Fortuna non muta sententia, dove non si muta ordine, né e cieli vogliono o possono sostenere una cosa che voglia ruinare ad ogni modo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...